Benedetta Tobagi

ospiti_benedettatobagiBenedetta Tobagi 

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
Benedetta Tobagi (Milano, 24 gennaio 1977) è una giornalista, scrittrice e conduttrice radiofonica italiana.

Biografia

Benedetta Tobagi è la figlia minore del giornalista Walter Tobagi, assassinato dalla “Brigata XXVIII marzo” il 28 maggio 1980. E’ atea. Lo ha dichiarato il 09 novembre 2009 al settimanale Grazia in occasione dell’ uscita del suo libro “Come mi batte forte il tuo cuore”: “Non sono credente, però c’è un versetto della Bibbia che ricordo sempre: ‘La verità vi farà liberi’ (Giovanni, 8:32).”
Laureata in Filosofia, ha lavorato alcuni anni nella produzione audiovisiva, occupandosi in particolare di documentari, e in campo editoriale. Collabora con il quotidiano la Repubblica; ha condotto la trasmissione “Pagina3” su Radio 3 e l’edizione 2011/2012 del programma mattutino “Caterpillar AM” su Radio 2 insieme a Filippo Solibello, Marco Ardemagni e Cinzia Poli. È studentessa di dottorato in storia presso il dipartimento di italianistica dello University College di Londra. Il suo primo libro, “Come mi batte forte il tuo cuore” (Einaudi 2009), dedicato alla memoria del padre[1] ha vinto numerosi premi, tra cui il Premio Estense, il Premio Sciascia, il Premio Capalbio, il Premio Brignetti Isola d’Elba e[2] il Premio Napoli 2010 per la sezione “Letteratura italiana” e il Premio Libraio di Padova. Per la sua attività giornalistica ha vinto il Premiolino, edizione 2011. Segue le attività di associazioni e centri di documentazione dedicati ai terrorismi e alle mafie (Rete degli archivi per non dimenticare). È stata promotrice del progetto della costituenda “Casa della memoria”[3] sul terrorismo e le stragi a Milano. In occasione delle elezioni del 2009 per il rinnovo dell’amministrazione provinciale di Milano è stata candidata per la lista civica del presidente uscente Filippo Penati, sconfitto al ballottaggio.
Il 5 luglio 2012 è stata nominata, in quota PD, al consiglio di amministrazione della RAI.

Premi

Nel 2011 ha vinto il Premiolino con la seguente motivazione: “Collabora con La Repubblica, scrivendo di questo Paese con uno sguardo etico e mai moralista, con semplicità e cultura. Firma nuova e giovane, è il segno di un giornalismo d’impegno e credibilità che continua a tener alto il valore della comunicazione scritta.”[4]

Opere

• Come mi batte forte il tuo cuore. Storia di mio padre. Torino, Einaudi, 2009.
• Una stella incoronata di buio. Storia di una strage impunita. Torino, Einaudi, 2013.