Aula Bunker Ucciardone Palermo – 100 studenti assistono al Processo sulla Trattativa Stato-mafia

Parla a ruota libera Massimo Ciancimino, incalzato dalle domande del PM Nino di Matteo, al suo primo giorno di interrogatorio che lo vede sia teste di accusa che imputato nel Processo sulla Trattativa Stato-mafia. L’aula, nella parte alta riservata al pubblico, è assolutamente gremita da gruppi di studenti che in assoluto silenzio ascoltano dichiarazioni che lasciano veramente senza fiato. Lasciamo alla stampa ed ai vari organi di informazione dettagliare sulle risposte date da Ciancimino nel corso del dibattimento. Per quanto ci riguarda, riconoscendo proprio l’importanza sia del Processo sia delle varie figure che a vario titolo ne fanno parte, ci preme particolarmente sottolineare ciò che per noi rappresenta il fine principale della giornata in se. Avere offerto ad un nutrito gruppo di Studenti dell’I.I.S. Caminiti-Trimarchi di S. Teresa di Riva la possibilità di vivere un’emozione, sotto il profilo educativo e formativo che possa rimanere impressa nella loro mente per molto tempo ma soprattutto una “boccata” di “quel dolce profumo di legalità” che tanto appassionava lo stesso Paolo Borsellino.
Per noi missione compiuta. A quanto pare, dello stesso parere troviamo Insegnanti ed Alunni che il 4 Febbraio 2016 hanno preso parte a questa giornata per loro molto particolare. Non era qualcosa di particolarmente allegro, è stato fisicamente forse un po’ stancante (ci siamo alzati alle 4 del mattino) ma da ognuno di loro non abbiamo sentito altro che apprezzamenti e vero entusiasmo per la giornata trascorsa e per ogni emozione percepita. Ciò sta a significare soltanto che i nostri sforzi e le nostre proposte oltre ad essere condivise, lasciano sicuramente il segno.
Grazie ragazzi, grazie anche al Corpo Docente che ha accompagnato questo percorso. Grazie per la vostra serietà, il vostro impegno e soprattutto per la maturità che riuscite a dimostrare sempre con il vostro compartamento e con la vostra attenzione.
A noi rimanga solo quel briciolo di orgoglio, che possa servire a ritemprare le forze per ripartire subito verso ulteriori e sempre più ambiziosi traguardi condivisi.

Seguono alcune foto della giornata.
Se i ragazzi ce ne faranno pervenire altre, le pubblicheremo in aggiunta. Grazie ancora.