Cerimonia di Presentazione del Francobollo e Annullo 2020

4 dicembre 2020 – Giornata storica per la nostra Associazione.
La registrazione integrale dell’evento la potete trovare nella pagina MEDIA GALLERY di questo sito, mentre adesso vi raccontiamo le nostre emozioni con alcune foto della giornata. Basta poco per capire come questo evento possa e debba essere considerato il traguardo più alto del nostro percorso associativo. L’impegno, la costanza, la dedizione, non sono sufficienti a ritenere questo risultato come un qualcosa di scontato non solo per le sue stesse peculiarità, per la sua stessa storia, ma anche e soprattutto per il significato che rappresenta a livello nazionale  e per la storia stessa di questo Paese. Il mondo della Filatelia è e rimane un mondo incantato, un palcoscenico d’autore, all’interno del quale spaziano i personaggi e gli eventi che hanno segnato e segnano la storia di questo Paese. Pensate con quale orgoglio e con quale soddisfazione noi oggi ci troviamo a dire grazie a quanti ci hanno onorato di questa realtà, facendo si che questa nostra memoria diventasse storia. Ma ricordiamo che questa nostra memoria si chiama Onofrio Zappalà, una di quelle 85 vittime che, con i suoi 27 anni , oggi le rappresenta tutte, per far si che nulla di quella maledetta strage venga dimenticato.
Ebbene dopo quattro anni di preparazione inviamo, seguendo il protocollo di rito, la domanda al Ministero dello Sviluppo Economico il quale, dopo qualche disguido, accoglie la nostra proposta ed acconsente all’emissione di un Francobollo appartenente alla serie tematica “Il Senso Civico”, dedicato all’Associazione Amici di Onofrio Zappalà. E’ fatta. L’unico intoppo sta nell’uscita dello stesso che non avverrà il 2 di Agosto, come da nostra richiesta, ma entro il 2020. Contattati da Poste Italiane e dal Poligrafico dello Stato, mi metto (Natale Caminiti) subito a disposizione incominciando a lavorare sulle bozze non solo del Francobollo ,che avevo in un certo senso preparato, ma anche sul Folder, sul Bollettino Ufficiale e quant’altro a corredo dell’emissione completa. Ho avuto modo, in passato, si sottolineare la grande disponibilità e collaborazione avuta sia da Poste che dal Poligrafico con i quali ho lavorato per più di due mesi in perfetta sinergia. Dalla collaborazione con il Poligrafico, vista la paternità della bozza del Francobollo, escluso il ritratto a matita di Onofrio fatto da un Bozzettista della Zecca, mi viene proposto di figurare anch’io come Bozzettista dello stesso Francobollo. Sicuramente una cosa a cui non avevo minimamente pensato ma che mi ha fatto enormemente piacere, concedendomi l’onore di poter avere il mio nome sul filigranato. Quasi alla fine di questo lungo periodo di preparazione viene stabilita dal MISE anche la data di uscita che è fissata per il 4 dicembre 2020.
Partiamo immediatamente con i preparativi dell’evento che, concordato anche con lo stesso Ministero, ci porta alla preparazione della presentazione ufficiale nazionale del Francobollo che il giorno 4 dicembre avrebbe fatto la sua uscita in tutti gli Uffici Postali d’Italia. La lista degli Ospiti è nutrita. Dal Vice Ministro Buffagni, a politici regionali e locali, Dirigenti di Poste Italiane e quant’altro, ma . . . . . la Pandemia incalza; i dati di contagio aumentano di giorno in giorno, a 20 giorni prima dell’evento non si sa più cosa fare; incertezza e sconforto avevano superato ogni normale livello di guardia. Gioco forza ci ritroviamo a preparare una diretta streaming dal salone di Villa Ragno a S. Teresa di Riva, a porte chiuse, con solo gli addetti ai lavori e con collegamenti dall’esterno. Non eravamo molto contenti. Avevamo aspettato questo momento non si sa come; eppure ce la siamo giocata.
Un evento, la cui registrazione integrale potete rivedere su questo sito, sobrio, essenziale, ma pieno di emozioni ci ha ugualmente soddisfatti e ripagati del tanto lavoro fatto. Antonello D’Arrigo da Cologno Monzese, Gherardo Colombo da Milano, Armando Spataro da Torino, Paolo Bolognesi da Bologna, io (Natale Caminiti), Maria Zappalà, l’On. Danilo Lo Giudice, il Sindaco di S. Alessio Giovanni Foti, Antonio Triolo, Presidente del Circolo Filatelico Peloritano di Messina, da Villa Ragno ed ancora molti interventi esterni, Sebastiano Ardita, Margherita Asta, Agnese Moro, Elia Minari, Fortunato Zinni, Benedetta Tobagi, da varie città d’Italia, hanno veramente reso speciale una giornata che non possiamo mai dimenticare.
Ancora, per la cronaca, il giorno 5 dicembre 2020, con la collaborazione del Circolo Filatelico Peloritano di Messina e l’Associazione Culturale “Caffè d’Arte il Paese di fronte al mare” di S. Teresa di Riva, abbiamo realizzato un Annullo Filatelico dedicato sempre ad Onofrio Zappalà con una Cartolina apposita, in prosecuzione degli Annulli annuali che come Associazione abbiamo sempre presentato dal 2005 ogni 2 agosto e che quest’anno non è stato fatto perchè sospesi da Poste Italiane (a seguire in calce anche la foto della cartolina e l’Annullo di giorno 5). 
Il 2020 è stato così. Un anno da dimenticare per come abbiamo dovuto viverlo ma, per noi, da un punto di vista associativo, un anno pieno di soddisfazioni e traguardi che siamo riusciti a raggiungere. Dalla presentazione del nostro libro il 15 gennaio, all’uscita del Francobollo il 4 dicembre, due date storiche, a tutto cio che in mezzo abbiamo dovuto abbandonare, per la pandemia in atto, e che stando alle nostre previsioni ci avrebbe consentito di onorare un 40° Anniversario che avremmo voluto diverso e ancora più ricco. L’importante esserci, poter continuare e sicuramente rimandare a presto quanto siamo stati costretti a tralasciare.
A seguire oltre ai Prodotti Filatelici in uscita il 4 dicembre, vi presentiamo una carrellata di foto della giornata.

Il Francobollo e i vari prodotti filatelici ad esso collegati:


Le Foto della manifestazione di Presentazione del Francobollo:

Foto della Cartolina e dell’Annullo Filatelico del 5 dicembre 2020: