ESTATE 2005 nel ricordo di ONOFRIO

2005serataUn’estate importante quella vissuta dall’associazione.
A cavallo tra luglio e agosto si sono tenute le manifestazioni a ricordo del 25° della strage alla stazione di Bologna.
“Un attimo… tante vite, Con Onofrio  PER NON DIMENTICARE”.
Sono state giornate intense che hanno coinvolto tanti amici e cittadini su una problematica impegnativa.
Un pubblico numeroso ed attento ha fatto da cornice alle manifestazioni del 22 luglio e 2 agosto.
Cittadini di Sant’Alessio e della zona o turisti, che hanno scelto di dedicare una parte del proprio tempo a temi  certamente non vacanzieri.
Fra questi, Sindaci ed Amministratori della zona con in prima fila, a fare gli onori di casa, Giovanni Foti, sindaco di Sant’Alessio Siculo.
Nella prima serata, il 22 luglio, si è discusso con Paolo Bolognesi,  Presidente della Associazione familiari delle vittime delle stragi, di MEMORIA – GIUSTIZIA – RICONCILIAZIONE “Riflessione su Onofrio, le Vittime, il terrorismo”.
Bolognesi con un intervento chiaro e deciso ci ha aiutato a ricordare e nello stesso tempo ha chiesto verità e giustizia sostenendo che senza il raggiungimento di esse è difficile realizzare un vera riconciliazione.
La  sera con Rita BorsellinoSilvia Raimondi sindaco di Acicastello abbiamo ragionato di “Ricordo per la memoria e per il futuro – Serata d’onore per un amico”.
La Borsellino ci ha condotti in un ricordo delle stragi che hanno insanguinato l’Italia ed ha concluso invitando a continuare a credere nel valore della vita ed a sperare nella possibilità che la giustizia e la legalità alla fine vince.
La Raimondi, sindaco di Acicastello, paese dal quale provenivano quattro delle vittime dell’attentato di Sharm El Sheik,   ha sottolineato  il legame che lega tutte le vittime di mafia, o di terrorismo e successivamente i loro familiari.
Significativa la presenza di alcuni nostri professori del Liceo Classico: prof. Mauro, prof. Nicolosi, prof. Sippelli.
Numerosi anche i compagni di liceo che sono stati, con la loro presenza, di incoraggiamento e di sprone ed ai quali proponiamo di affiancarci nei nostri futuri progetti.
Non si può non ricordare i famigliari di Onofrio, il Papà e le sorelle  che con dolore ma con partecipazione sono stati presenti a tutte le nostre iniziative.
Ed anche la moglie e il figlio di Angelo Priore,  l’altra vittima messinese della strage, che hanno accettato il nostro invito e sono stati presenti  alle iniziative del 2 agosto.
Tanti gli interventi nelle due serate ad approfondire i temi o semplicemente a ricordare la figura di Onofrio, in particolare le poche parole di Maria Zappalà che ha voluto evidenziare come spiritualmente Onofrio fosse presente.
Ed era proprio così: nelle due serate si è parlato di Onofrio come se da un momento all’altro dovesse presentarsi e con il suo toscano spento in bocca, sorridente e sfottente, a dirci: . . . “Ma che state facendo . . . Non vedete che è estate . . .”
Grazie Sindaci, grazie Assessori, Grazie stampa, radio e TV. Grazie Mons. Montenegro, Bolognesi, Borsellino, Raimondi. Grazie a tutti quanto ci sono stati e ci sono vicini, un abbraccio a Professori, Amici e Liceali. Un saluto con afgfetto ai Familiari di Onofrio e di Angelo Priore ed un caloroso e particolare abbraccio a Papà Ilario da parte di tutti noi.
Ora pensiamo al prossimo 2 agosto….. anzi no, pensiamo subito all’annunciata borsa di studio.
Passiamo a dialogare con la realtà scolastica.